Pagina Quaranta

pagina40Pagina quaranta narra la storia di Fiamma psicologa in un Hospice (struttura residenziale di cure palliative per malati terminali) che scopre di avere un tumore al pancreas, che non le concede più di quaranta giorni di vita.
Inizia un conto alla rovescia raccontato da Fiamma in prima persona e da Miriam, medico dell’Hospice, che si ritrova suo malgrado, per ragioni del tutto particolari, ad accompagnare la sua collega e amica a domicilio fino alla morte.

Miriam, per spiegare in un corso per possibili nuovi volontari (il pubblico), cosa sia e rappresenti per lei l’Hospice, ripercorre l’eccezionale storia di Fiamma che, grazie al diario di bordo lasciato dalla psicologa, si trasforma in un viaggio in cui poter scoprire tutta la preziosità di camminare in prossimità della morte: Fiamma e Miriam, opposte per carattere e credo religioso, s’imbarcano con il proprio bagaglio, ma si ritrovano nel loro ultimo volo insieme, a dover riscrivere, almeno fino a pagina quaranta, tutti i punti fermi di un’intera vita.

PAGINA QUARANTA

di Dome Bulfaro
regia Enrico Roveris
musiche originali: David Rossato e Lorenzo Pierobon
con Alessia Vicardi e Chiara Petruzzelli
responsabile di produzione: Patrizia Gioia
produzione: Fondazione Arbor / Mille Gru / SpazioStudio13 / La Danza Immobile

La drammaturgia di “Pagina quaranta” è liberamente ispirata e consonante ad una storia vera.
Si ringrazia l’Hospice di Monza della Fondazione Don Gnocchi per il fondamentale contributo che ci ha offerto.
Grazie anche a TITA, alter ego della poetessa Patrizia Gioia, la quale è autrice della poesia “a mio papà hanno tagliato la gamba” inserita nel testo.

Prima nazionale Teatro Binario 7, Monza 9 maggio 2013

Un commento su “Pagina Quaranta

Lascia un commento