Voice Waves | L’onda della voce

Dome Bulfaro (a cura di)
Voice Waves | L’onda della voce
European poetry slam championship in Italy
(poesia, saggistica, studi sul poetry slam)
bilingue Italiano / Inglese
in collaborazione con LIPS Lega Italiana Poetry Slam
illustrazioni: Martina Dirce Carcano

Edizioni Mille Gru, giugno 2020
Collana PoesiaPresente
Formato 17×21, Pagine 288

Prezzo di copertina: € 20
ISBN 978-88-943374-5-7

– scroll down for English – 

Un libro che fotografa il movimento del poetry slam in Italia e in Europa con contributi critici di numerosi autori e studiosi e le poesie di 29 poeti da tutta Europa.

La Slam Family nazionale, quella europea e quella internazionale, sono accomunate dall’affermare il Diritto per tutti alla Poesia, un processo di democratizzazione sviluppato dal movimento del poetry slam.

Questo libro è composto da una ricca sezione critica, che approfondisce la filosofia slam e le questioni legate alla traduzione della performance poetry, e da una sezione antologica che raccoglie le poesie di 29 poeti-slammer, provenienti da altrettanti paesi europei e vincitori dei rispettivi campionati nazionali.
Inoltre è il documento delle prime finali europee di poetry slam in Italia, che si sarebbero dovute svolgere dal 19 al 21 marzo 2020, se non fossero state annullate a un passo dalla loro realizzazione, a causa delle restrizioni imposte per arginare la  diffusione del virus Covid-19.

Con un’intervista inedita a Marc Kelly Smith, “Slam Papi” mondiale, poeta americano inventore del poetry slam

Contributi critici di grandi autori del mondo slam: Dome Bulfaro, sparajurij/Sergio Garau, Philip Meersman, Beatrice Achille, Nicolas Cunial, Andrea Bitonto, Simone Savogin

Postfazione di Lello Voce, lo Slam Papi italiano

Antologia europea con poesie di: Henrik Szanto (Austria), Tom Driesen (Belgio), Argyri Loizou (Cipro), Dino More aka Tremens (Croazia), Kristine Victoria Madsen (Danimarca), Kaisa Kuslapuu (Estonia), Solja Krapu (Finlandia), Cédric Gerbandier e Treize Accordée (Francia), Friedrich Herrmann (Germania), Panagiotis Drakopoulos aka Witness (Grecia), Beau Williams (Irlanda), Emanuele Ingrosso (Italia), Juozas Ališauskas (Lituania), Igor Trpcheski (Macedonia), Marius Abrahamsen (Norvegia), Maxime Garcia Diaz (Paesi Bassi), Magdalena Tyszecka (Polonia), Lucerna do Moco (Portogallo), Ondrej Hrabal (Repubblica Ceca), Anton Trubajchuk (Russia), Calum Rodger (Scozia), Jovana Ilkić (Serbia), Michael Krakowsky (Slovacchia), Eva Kokalj (Slovenia), Dani Orviz (Spagna), Andra Anna (Svezia), Lindon Krasniqi (Turchia), Richárd Sárközi (Ungheria)


A snapshot of the Italian and European slam movement, with critical essays by many authors and the pomes by 29 European slammers.

The national, European and international Slam family have in common the assertion of the Right to Poetry for all, an emancipating process initiated by the slam poetry movement.

This book consists in a large critical section, where slam philosophy and issues related to the translation of performance poetry have been studied, and in an anthological section that collects the poems of 29 European slammers, winners in their own national championship.
Moreover, it’s the document of the first European poetry slam finals in Italy, which would have taken place from March 19 to 21, 2020, if they had not been cancelled one step away from their realization, due to the restrictions imposed to stem the spread of the Covid-19 virus.

With an inedited interview with Marc Kelly Smith, “Slam Papi”, the American poet who invented the poetry slam.
Critical essays by: Dome Bulfaro, sparajurij/Sergio Garau, Philip Meersman, Beatrice Achille, Nicolas Cunial, Andrea Bitonto, Simone Savogin.
Afterword by Lello Voce, the Italian Slam Papi

Poems by: Henrik Szanto (Austria), Tom Driesen (Belgio), Argyri Loizou (Cipro), Dino More aka Tremens (Croazia), Kristine Victoria Madsen (Danimarca), Kaisa Kuslapuu (Estonia), Solja Krapu (Finlandia), Cédric Gerbandier e Treize Accordée (Francia), Friedrich Herrmann (Germania), Panagiotis Drakopoulos aka Witness (Grecia), Beau Williams (Irlanda), Emanuele Ingrosso (Italia), Juozas Ališauskas (Lituania), Igor Trpcheski (Macedonia), Marius Abrahamsen (Norvegia), Maxime Garcia Diaz (Paesi Bassi), Magdalena Tyszecka (Polonia), Lucerna do Moco (Portogallo), Ondrej Hrabal (Repubblica Ceca), Anton Trubajchuk (Russia), Calum Rodger (Scozia), Jovana Ilkić (Serbia), Michael Krakowsky (Slovacchia), Eva Kokalj (Slovenia), Dani Orviz (Spagna), Andra Anna (Svezia), Lindon Krasniqi (Turchia), Richárd Sárközi (Ungheria)